gestisci la tua reputazione online
crotone 24 news notizie
breaking news

Crotone 24 News Notizie

Il portale online con le ultime notizie da Crotone dalla provincia crotonese e dalla Calabria

Crotone breaking news e tutte le altre notizie di cronaca, politica, economia e lavoro, sport, cultura e spettacoli.

trasferimenti aeroporto lamezia terme

Ex Akros,il sindaco Ugo Pugliese: " mai ingannato i lavoratori!"


di Redazione
di Redazione
Crotone24news.it

Il sindaco di Crotone Ugo Pugliese interviene sulla vicenda degli ex lavoratori Akros

s_400_250_16777215_00_images_2015_politica_ugo_pugliese_1.pngDi seguito la nota del sindaco di Crotone Ugo Pugliese."Nella mia vita non ho mai ingannato nessuno, tanto meno i lavoratori. In nessun caso mi sarei permesso di mentire agli ex dipendenti Akros.

Ho sempre detto la verità, anche quando era scomoda, e non ho nessuna intenzione di illudere chicchessia, soprattutto i tanti crotonesi che soffrono il dramma della mancanza di lavoro. Voglio ribadire, per l’ennesima volta, la verità dei fatti. I lavoratori ex Akros dovrebbero manifestare contro coloro i quali hanno provocato il fallimento della società e portato alla disperazione circa settanta famiglie. È bene ricordarlo: la società Akros svolgeva la propria attività in quasi tutti i ventisette Comuni della provincia di Crotone. È stata una gestione scellerata che ha portato all’inevitabile fallimento, senza nessuna colpa da parte nostra e tra l’altro, Crotone è stato uno dei pochi Comuni che ha pagato puntualmente il servizio Akros, per un importo annuo di circa un milione e duecentomila euro.

Dopo il fallimento, in altri contesti, il servizio di raccolta rifiuti è stato effettuato attraverso altre società e con altri lavoratori, senza che sia stata garantita la “clausola sociale” del riutilizzo dei lavoratori ex Akros.

A Crotone il servizio di raccolta differenziata, eseguito da Akros, veniva svolto da circa quindici unità lavorative, e bisogna aggiungere che i dati ufficiali certificano che la percentuale di raccolta differenziata non ha mai superato il valore dell’11%, toccando punte a ribasso del 4%. Ragione per la quale, per gli anni 2015/16 il Comune di Crotone è stato multato per circa 600 mila euro annui, che l’amministrazione è stata costretta, per obbligo di legge, a far gravare direttamente sulle bollette dei cittadini, senza averne alcuna colpa. Questo fallimento non è un caso solitario! Come tutti sanno la passata gestione, amministrativa e politica, ha provocato un autentico disastro in tutte le società partecipate. Soakro è fallita e in nove anni di vita ha prodotto 60 milioni di debiti, di cui 30 dovuti a Sorical per la fornitura dell’acqua, e altre 30 milioni di euro sono stati “pagati” dal sistema economico locale, da quel sistema di imprese che ha subito danni economici e la conseguente perdita di decine e decine di posti di lavoro. Questo sì che è gravissimo ed è passato sotto silenzio e senza provocare alcuna emozione! Inoltre, è in stato pre fallimentare “Gestione Servizi”, la società in house della Provincia, anche qua per una gestione scellerata e clientelare, che ha portato alla disperazione circa 70 famiglie. Ed ancora, è fallita, nel 2015, la società aeroportuale, che ha rappresentato l’inizio di un travagliato e doloroso percorso che ha portato alla chiusura del nostro scalo e al licenziamento di tutti i lavoratori.

Stessa sorte ha avuto Akros che ha operato in un “settore protetto”, quello dei rifiuti, tuttavia, ed incredibilmente, anche questa è fallita e nessuno si è chiesto ancora come e perché non siano state individuate precise responsabilità e colpe. Nel caso in specie, a ridosso delle ultime elezioni amministrative, è stato, dalla precedente giunta Vallone, sottoscritto, con la compartecipazione dei sindacati, un accordo che prevedeva di tramutare in occupazione quanto il Comune di Crotone pagava in termini di servizio. Questo ha comportato la possibilità di assunzione massima di quindici/diciotto unità, trasformaste, poi, magicamente in ventotto con costi raddoppiati rispetto a quanto il Comune spendeva precedentemente. Tuttavia i passati amministratori si sono ben guardati di adempiere all’accordo da loro sottoscritto, tanto “passata la festa, gabbato il santo”, che tradotto in termini elettorali significa “passata le elezioni gabbato i lavoratori”.

Appena eletto, mi sono assunto la responsabilità di procedere all’assunzione delle 28 unità, per un sentimento di forte solidarietà personale e della intera coalizione della Prossima Crotone.

Ho fatto questo, nonostante Akrea non fosse in grado, per le condizioni in cui versava e continua a versare, di far partire la raccolta differenziata, e anche questo ha creato un onere per l’intera comunità crotonese. Adesso, non possiamo più permetterci di allargare ulteriormente le maglie, ma bisogna solo lavorare per far partire la raccolta differenziata nel minor tempo possibile. Per raggiungere questo obiettivo, ci siamo prodigati, con estrema celerità, di dotare, per la prima volta, la città di Crotone di un “Piano Integrato dei Rifiuti”, e di realizzare un progetto che prevede un investimento pari a sei milioni di euro che abbiamo presentato alla Regione Calabria per ottenere un finanziamento di due milioni di euro e consentire così la realizzazione di una moderna e efficiente raccolta differenziata. Così facendo, abbiamo recuperato decenni di colpevoli disattenzioni sull’Akrea, che in tutto questo tempo è stata impoverita di mezzi, strumenti, tecnologie e organizzazione. Confermo, invece, che quando questa città avrà raggiunto, per effetto di questo piano, i giusti livelli di differenziata e l’intero sistema sarà andato a regime, allora, e nel completo rispetto della legge e dell’economicità del servizio, l’Akrea potrà e dovrà, se necessario, pensare di assumere ulteriore personale.

Recapiti

testata quotidiano crotone
Via Venezia 139 - 88900 Crotone KR Italy
crotone24news@gmail.com
Direttore : Maria Bonaiuto
Web Master : Angelo Cerminara

We are Social

Resta aggiornato senza perdere le notizie di Crotone. Mettici sul tuo canale Social!

Invia un Messaggio

Disclaimer

Testata giornalistica non registrata ai sensi della Legge sull'Editoria n.62 del 7/3/2001.

I loghi presenti nel sito, dove non diversamente specificato, appartengono al proprietario.

L'utente è sempre tenuto a leggere il disclaimer e tutte le informative qui riportate.