Istituto Alberghiero: Ferrari favorisce Cirò Marina a discapito di Isola


Redazione
Redazione Crotone24news.it

forza-italia.jpg«La delibera del Consiglio Provinciale di Crotone n. 23 del 19/12/2022 non solo è penalizzante per l’istituto alberghiero di le Castella ma fortemente discriminatoria per due territori Isola di Capo Rizzuto e Cutro, che forse il Presidente Ferrari disconosce come appartenenti alla provincia di Crotone o probabilmente reputa che entrambi i paesi non meritino attenzioni adeguate visto e considerato che la sua politica provinciale non è certamente di aggregazione e di equa distribuzione delle attenzioni in base alla vocazione dei singoli territori e delle rispettive peculiarità.

Entrando nel merito della delibera e precisamente al punto che prevede l’approvazione proposta di PIANO DI OFFERTA FORMATIVA” l’indirizzo politico del Presidente Ferrari e del consiglio Provinciale prevede l’istituzione di un convitto per l’Istituto Alberghiero “GANGALE” di Cirò Marina e l’attivazione di un corso serale “ITET”, potenziando di fatto l’istituto di Cirò Marina (paese in cui il presidente Ferrari è Sindaco) a discapito di Isola capo Rizzuto.

Il Presidente e tutto il consiglio in barba a quanto già richiesto nel 2009 al Ministero dell’Istituzione, l’istituzione del convitto a Le Castella, decidono non solo di ignorare tale istanza bensì di farla decadere.

Ci chiediamo il perché di questa scelta e come mai non abbia provocato alcuna reazione della maggioranza del Comune di Isola o forse si è taciuto perché è un'azionista politico dell'attuale amministrazione provinciale; sorprende che non ci sia stata levata di scudi, nessun atto di protesta contro questo ennesimo scippo a discapito del territorio, nessuna difesa nei confronti dei cittadini e delle strutture ricettive.

Fino a quando l’attuale maggioranza comunale vorrà continuare questo letargo ed a che scopo? A chi serve questo estremo sacrificio? Quando mondi diversi si incontrano poi si cerca di riversare su altri le proprie responsabilità. D'altra parte, come si è già sostenuto in consiglio, l'attuale maggioranza consiliare è un progetto diverso rispetto a quello conosciuto con le elezioni del 2019 ed oggi con la delibera di giunta comunale del 29 dicembre si cerca solo di ricucire pezzi che sono indipendenti uno dall'altro con scopi ed obiettivi contrastanti e a volte confliggenti: il sindaco pensa una cosa, il consigliere provinciale fa altro, se così si può semplificare.

Certo è che questa vicenda del dimensionamento non rappresenta un buon biglietto da visita per chi aspira ad un progetto di guida futura della nostra cittadina e che, comunque, addossa ad altri responsabilità che ricadono esclusivamente su se stesso».

I consiglieri comunali ed il gruppo dirigente Forza Italia e Siamofuturo Isola di Capo Rizzuto

Ultimi Pubblicati

Edilizia Scolastica, l’Amministrazione presenta l’elenco dei progetti già approvati

E’ stato presentato in sala consiliare in piano di edilizia scolastica e PNRR ..

Regionale di Trenitalia: riapre la biglietteria della stazione di Crotone

Sarà operativa da domani, mercoledì primo febbraio, all’interno della stazio..

Regione Calabria: si dimette l'assessore alle Infrastrutture Mauro Dolce

“Ho riflettuto molto nelle ultime settimane e sono giunto ad un’importante d..

Legalità: alla Camera di Commercio di Crotone dibattito con Tina Montinaro

È stato un dibattito carico di emozioni quello che si è svolto nel pomeriggio ..