www.shopricambiauto24.it
crotone 24 news notizie
breaking news

Crotone24News.it - Ultime Notizie dal Crotonese

Il giornale online con le ultime notizie da Crotone, dal Crotonese e dalla Calabria.

web reputation


Ecco perché non è un buon momento per comprare azioni Google

  • Published in Economia e Lavoro

di Redazione
di Redazione
Crotone24news.it

02-04-mercati-azionari.jpgNon è stato un anno roseo per il motore di ricerca più popolare al mondo. Google ha sottoperformato rispetto ai suoi omologhi tecnologici e in particolare al Nasdaq 100, dove ha guadagnato circa il 15% rispetto al 32% di rendimento medio dell'indice nel 2020.

Sebbene la pandemia di COVID-19 abbia perturbato le attività commerciali intorno ai principali hub economici globali, Google non è riuscito ad essere relativamente impressionante in media. Ad oggi, il titolo ha difficoltà a superare il livello di resistenza di 1600 dollari e non sta mostrando una forza al rialzo, come altri colleghi del settore tecnologico che includono Facebook, Apple, Amazon e persino Microsoft. Che questo possa fermare gli investitori nel comprare azioni Google?

L’impatto Covid, ha toccato tutti

Non sorprende che i suoi recenti guadagni provenienti dal core business, Google Search non siano riuscito ad entusiasmare gli investitori (e bisogna contare che è il più importante contributore dei ricavi di Big G), il colpo è arrivato direttamente da parte del COVID-19, con vendite in calo del -2% nel secondo trimestre.

Il juggernaut tecnologico è l'unico titolo FAANG (Facebook, Apple, Amazon, Netflix, Google) con ricavi in calo rispetto all'anno precedente, anche se il trend dei ricavi rimane solido. Il titolo non è riuscito a rompere il livello critico di resistenza, dato che il prezzo delle azioni è sceso dal suo massimo di 52 settimane, pari a 1.597,72 dollari, e rimane la scelta minore tra i titoli FAANG. Nairametrics si aspetta un ritorno del prezzo del titolo al livello di supporto di 1.550 dollari a medio termine, con l'eccezione di un aumento dei ricavi nei segmenti della pubblicità e dell'hardware.

Proprio Nairametrics alcune settimane fa, ha dato intuizioni sul perché i trader di Borsa non erano stati convinti del futuro andamento rialzista del mercato di Google: la crescente preoccupazione per l'incapacità di Google di aumentare i suoi ricavi da pubblicità è stata in parte responsabile per la performance poco impressionante del prezzo delle azioni.

Ricordiamo che la Google LLC è una multinazionale americana che si occupa di prodotti e servizi legati a Internet, tra cui un motore di ricerca, tecnologie di cloud computing per la pubblicità online, software e hardware.

È una consociata della società Alphabet. Attualmente ha una valutazione di oltre 1.000 miliardi di dollari e al momento della stesura del presente rapporto è stata scambiata a 1.580 dollari.

Tuttavia, osservando in modo critico gli altri flussi di reddito della società Alphabet, Nairametrics ha osservato in particolare che Google cloud e Youtube hanno prodotto una performance impressionante, crescendo rispettivamente del 43% e del 6%, dando così ai tori un forte motivo per mantenere il titolo al di sopra del livello di supporto di 1.500 dollari.

Affinché Google cambi il suo attuale status quo, lo stock dovrebbe rompere il livello di resistenza di 1.600 dollari, prima che i suoi prossimi bilanci vengano pubblicati e che inizi la monetizzazione dei nuovi servizi a pagamento previsti a breve nel loro lancio di mercato.

Attualmente, Nairametrics non è rialzista sul prezzo delle azioni di Google, in quanto i suoi pari (le aziende FAANG) negli ultimi tempi offrono migliori rendimenti sul capitale. Detto questo, Nairametrics suggerisce un segnale rialzista del titolo su qualsiasi violazione al di sotto del livello di supporto di 1.500 dollari.

Recapiti

testata quotidiano crotone
crotone24news@gmail.com

We are Social

Resta aggiornato senza perdere le notizie di Crotone. Mettici sul tuo canale Social!

Invia un Messaggio

Disclaimer

Testata giornalistica non registrata ai sensi della Legge sull'Editoria n.62 del 7/3/2001.

I loghi presenti nel sito, dove non diversamente specificato, appartengono al proprietario.

L'utente è sempre tenuto a leggere il disclaimer e tutte le informative qui riportate.