Bagarre in Consiglio, Voce a Meo: con quattro voti non sei "unto del Signore"


Redazione
Redazione Crotone24news.it

enzo-voce.jpg«Chiedo scusa ai cittadini di quanto avvenuto ieri in consiglio comunale. Lo faccio io, sono il sindaco. E lo faccio anche alla luce del fatto che chi ha provocato quanto di spiacevole è avvenuto, invece di scusarsi di aver gettato una luce così negativa sulla massima assise cittadina, si gloria, con la complicità di qualche compiacente pifferaio, di quanto avvenuto.

Vede consigliere Meo, se sedicimila voti non bastano a fare un buon sindaco, poche centinaia non consentono certamente di considerarsi un “unto del Signore”. Lei si ritiene la perfezione assoluta. Ha attaccato tutti sin dal primo minuto: sindaco, assessori, colleghi consiglieri, giornalisti, dipendenti, cittadini. La città non è solo lei.

Rinnovo le scuse ai cittadini, che tuttavia invito a guardare tutto lo streaming dell’intero consiglio comunale, non solo per valutare la veridicità di quanto realmente accaduto, ma soprattutto per verificare che, quando la situazione si è normalizzata, il Consiglio ha finalmente potuto discutere ed approvare importanti punti per la città.

Detto questo sul piano più squisitamente politico il tentativo di non far avere i numeri alla maggioranza in Consiglio Comunale non è andato a buon fine. Ci hanno provato abbandonando l'aula i consiglieri di minoranza e il citato consigliere Meo ed le consigliere Giancotti e Passalacqua, questi ultimi eletti con il sindaco Voce. Il Consigliere Ceraudo, sempre eletto con la maggioranza, avrà avuto sicuramente motivi personali più importanti per non partecipare al Consiglio Comunale.

C'è una Amministrazione che sta lavorando per risolvere i tanti problemi della città e chi invece pensa a se stesso. Non importa se c'è una forte crisi economica legata alla pandemia, o se il reparto Covid del nostro ospedale è pieno. Non importa se tra due mesi non sapremo dove portare i rifiuti, o se gli uffici comunali sono senza personale. Si deve ribaltare questa Amministrazione a tutti i costi.

Sicuramente è stato più semplice sconfiggere un certo sistema con la matita in cabina elettorale, che la rabbia di chi non ha ottenuto ciò che desiderava. Soprattutto è difficile sconfiggere la presunzione di chi è disposto a mandare all'aria un progetto di rinnovamento pur di avere un po' di visibilità. Noi andiamo avanti per il bene della città».

Il sindaco Vincenzo Voce

Ultimi Pubblicati

Nel Cosentino scoperti 21 furbetti dei Buoni spesa e reddito di cittadinanza

I Finanzieri del Gruppo Cosenza e della Tenenza San Giovanni in Fiore hanno indi..

Chiuse le indagini di "Basso Profilo": tra gli indagati anche Cesa e Talarico

La Dda di Catanzaro ha chiuso le indagini dell'inchiesta "Basso profilo" nei con..

L'assessore Cretella: il Piano assunzioni è strategico e sostenibile

«Voglio rassicurare il consigliare Danilo Arcuri: il piano triennale per il fab..

Crotone: la terza commissione propone la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki

La Terza Commissione Consiliare permanente, presieduta dal consigliere Alessandr..