web reputation
crotone 24 news notizie
breaking news

Crotone 24 News Notizie

Il portale online con le ultime notizie da Crotone dalla provincia crotonese e dalla Calabria

Crotone breaking news e tutte le altre notizie di cronaca, politica, economia e lavoro, sport, cultura e spettacoli.

sicurezza cantieri milano


Ndrangheta, maxi sequestro da 212 mln di euro a due noti imprenditori

  • Published in Regionale

di Redazione
di Redazione
Crotone24news.it

Sequestrate 14 società commerciali, 69 immobili, 14 veicoli e disponibilità finanziare per un valore complessivo di 212 milioni di euro.

s_400_250_16777215_00_images_2018_corpi-dello-stato_gdf-2.jpgMilitari della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, sotto il coordinamento della locale DDA, hanno eseguito due provvedimenti di sequestro in relazione all’ingente patrimonio, valutato in 212 milioni di euro, costituito da imprese commerciali, beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, riconducibile a GALLO Domenico, cl. ‘56, originario di Bovalino (RC) - imprenditore operante nel settore delle costruzioni edili e della fabbricazione e distribuzione di conglomerati bituminosi - e SCALI Gianluca cl. ’72 di Roccella Jonica (RC), attivo nel settore degli inerti e del calcestruzzo.

Tali provvedimenti fanno seguito al recente importante sequestro disposto dalla citata Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale in relazione al patrimonio riconducibile a BAGALA’ Giuseppe cl. ’57, BAGALA’ Francesco cl. 90, BAGALA’ Luigi cl. ’46 e BAGALA’ Francesco cl. ’77 - noto gruppo imprenditoriale della Piana, operante nel settore degli appalti pubblici - costituito da imprese commerciali, beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, stimato in circa 115 milioni di euro, anche questo illecitamente ottenuto grazie alla vicinanza ed alla contiguità alla cosca di 'ndrangheta dei “Piromalli”.

I provvedimenti oggetto dell’odierna esecuzione originano, tra le altre, dall’operazione denominata “Cumbertazione” condotta dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria, conclusasi nel 2017 con l’esecuzione di provvedimenti restrittivi personali nei confronti di 27 persone, indagate - a vario titolo - dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere semplice aggravata dall’art. 7 L. 203/1991, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione e falso ideologico in atti pubblici, nonché di provvedimenti cautelari reali su 44 imprese, per un valore complessivo pari a 224 milioni di euro. Nell’ambito di tale procedimento, attualmente pendente innanzi al Tribunale di Palmi, predetti GALLO Domenico e SCALI Gianluca sono imputati per il delitto di associazione mafiosa.

In tale contesto, era stato accertato che gli imprenditori SCALI e GALLO, operando in sinergia e attraverso le imprese a loro riconducibili, erano risultati in grado di controllare le commesse per le forniture di calcestruzzo e di conglomerati bituminosi imponendo le proprie forniture anche per la realizzazione di lavori facenti capo al predetto gruppo imprenditoriale dei “Bagalà”, con i quali erano in affari da anni.

Analizzando le figure dei prefati imprenditori, si rileva come SCALI Gianluca – già Sorvegliato Speciale di P.S. e ritenuto contiguo alla cosca “Ursino” di Gioiosa Jonica (RC) – quale dominus dell’impresa fittiziamente intestata alla di lui madre URSINO Lina - sia stato raggiunto anche da provvedimento cautelare - successivamente revocato dal Tribunale del Riesame di Reggio Calabria - emesso nell’ambito dell’operazione “Mandamento Jonico”, condotta nel 2017 dall’Arma dei Carabinieri nei principali centri della Locride, conclusasi con l’esecuzione di numerosi provvedimenti restrittivi per il delitto, tra gli altri, di cui all’art. 416 bis c.p., ritenute affiliate/contigue a diverse “locali” di ‘ndrangheta operanti nella fascia jonica della provincia reggina.

Le vicende giudiziarie che interessano l’imprenditore GALLO Domenico, invece, hanno inizio con la condanna – divenuta definitiva nel 2005 – per ben 27 delitti di truffa commessi fra il 1985 e il 1991 e per due ipotesi di turbata libertà degli incanti al fine di aggiudicarsi in modo illecito appalti pubblici per la realizzazione di opere nel comprensorio di Bovalino (RC). Il medesimo, inoltre, è stato coinvolto in diverse recenti inchieste giudiziarie. In particolare, oltre alla già menzionata “Cumbertazione”, si cita l’operazione “Martingala” condotta nei confronti di un articolato sodalizio criminale dedito alla commissione di gravi delitti tra cui - a vario titolo – quelli di associazione mafiosa, riciclaggio e autoriciclaggio, associazione per delinquere finalizzata all’emissione di false fatturazioni, con l'aggravante - per alcuni di essi, tra cui il proposto - del metodo mafioso, e conclusa nei primi mesi del 2018 con l’esecuzione di n. 27 provvedimenti restrittivi personali nonché di provvedimenti cautelari reali nei confronti di 51 società - anche estere - partecipazioni sociali, beni mobili e immobili, disponibilità finanziarie per un ammontare complessivo stimato in circa €. 119.000.000.

Alla luce di quanto sopra, il Tribunale di Reggio Calabria - Sezione Misure di Prevenzione - su richiesta della citata DDA, con i provvedimenti in esecuzione, ha disposto il sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile ai proposti ed ai rispettivi nuclei familiari. Complessivamente, è stato disposto il sequestro di 14 imprese commerciali (compresi rapporti bancari, partecipazioni, n. 69 immobili e n. 36 veicoli), quote societarie, immobili (fabbricati e terreni, tra cui una villa di pregio), beni di lusso (n. 12 orologi di noti marchi), rapporti finanziari e assicurativi, nonché disponibilità finanziarie, per un valore complessivo stimato in circa 212 milioni di euro. 

Recapiti

testata quotidiano crotone
Via Venezia 139 - 88900 Crotone KR Italy
crotone24news@gmail.com
Web Master : Angelo Cerminara

We are Social

Resta aggiornato senza perdere le notizie di Crotone. Mettici sul tuo canale Social!

Invia un Messaggio

Disclaimer

Testata giornalistica non registrata ai sensi della Legge sull'Editoria n.62 del 7/3/2001.

I loghi presenti nel sito, dove non diversamente specificato, appartengono al proprietario.

L'utente è sempre tenuto a leggere il disclaimer e tutte le informative qui riportate.